25/11/2019 - CONCERTO

Luca Franzetti, violoncello - Elisa Tomellini, pianoforte

programma di sala application/pdf (2,20 MB)

Luca Franzetti

Nato a Parma nel 1969, inizia a suonare il violoncello a 17 anni dopo aver studiato violino, chitarra e pianoforte; all’età di 18 già suona in orchestra. Dopo essere stato primo violoncello alla Toscanini di Parma, al Bellini di Catania e presso l’Orchestra Stabile di Bergamo, a 30 anni ricopre il posto di prima parte dell’Orchestra Sinfonica G. Verdi, con Chailly direttore stabile, dove lavora con artisti quali Barshai, Prêtre, Sara Mingardo, Vladimir Jurowsky, Hélène Grimaud, Sir Charles Mackerras. Parallelamente, ha svolto attività di primo violoncello per la Scottish Chamber Orchestra, la Royal Philharmonic of Flanders e l’Operanorth di Leeds. Nel 2004 inizia a collaborare con Claudio Abbado che lo invita anche all’Orchestra del Festival di Lucerna. Già docente presso la Scuola di Musica di Fiesole, dal 2013 a tutt’oggi insegna all’Istituto Musicale di Reggio Emilia.

Già si era esibito con musicisti dalla dissimile provenienza quali Hogwood, Brunello e Sollima, ma anche Lucio Dalla, Enzo Jannacci, Steward Copeland, Vacchi e Giuranna; oggi la sua carriera si focalizza sul repertorio solistico. Tiene regolarmente recitals e concerti da solista  in Italia, Svizzera, Norvegia e Giappone, alcuni dei quali trasmessi sul canale Sky Classica HD. Ha appena finito di registrare in cd l’integrale delle Sei Suites di Bach, già disponibile nei negozi e su iTunes.

Elisa Tomellini

Il quotidiano inglese «The Guardian» annovera Elisa Tomellini fra i più brillanti talenti di questa eccezionale generazione di giovani pianisti. Vincitrice di numerosi premi internazionali, si è esibita in recital e con orchestra in Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, USA, Slovenia, Ungheria, Romania, Croazia, Serbia, Bosnia Erzegovina. Alcuni dei suoi concerti sono stati trasmessi da Rai Radio 3, Rai Radio 2 e Rai Radio 1, RSI Rete 2 Svizzera e in diretta Rai dal Quirinale.

Dopo un periodo sabbatico di 14 anni, dedicato a esplorare e scalare montagne in molte località del mondo, torna al concertismo debuttando al Kennedy Center di Washington e al Gewandhaus di Lipsia. L’8 luglio 2017, sul ghiacciaio del Colle Gniffetti sul Monte Rosa, ha coronato il suo sogno di suonare per la Montagna, dopo esservi salita a piedi, stabilendo anche il record del concerto per pianoforte più alto al mondo a quota m. 4460. Nel 2018 è uscito il suo cd per Dynamic, distribuito da Naxos, registrato nel dicembre 2017 alla RSI (Radio Svizzera Italiana) di Lugano comprendente gli Studi trascendentali di Liszt, da Paganini, nella prima versione del 1838. Elisa Tomellini è la prima donna al mondo ad aver suonato gli Studi in questa versione: l’album ha ricevuto cinque stelle sul «BBC Music Magazine» (gennaio 2019). Nel 2018 ha fondato l’Associazione Genova Musica della quale è Presidente.

Scrivi il tuo commento

Credits | Privacy